Habemus Papam. Nanni Moretti, 2011

  Eh lo so, manco da un po’. Mi dispiace per i miei pochi lettori, ma c’ho un sacco di caxxi per la testa. Per dirvene una, questa recensione era sul mio desktop da settimane! Speriamo che il caldo si porti via tutto…intanto parliamo di cinema va. E visto che siamo incacchiati, parliamone male.   Dicevamo. Habemus papam. Cos’è questo … Continua a leggere

Nessuno mi può giudicare – 2011, di M. Bruno

Paola Cortellesi è la giovane moglie di un imprenditore; vive in una villa di lusso, sfrutta e maltratta la servitù, finché il marito non muore in un incidente lasciandole in eredità i debiti dell’azienda. Per evitare la galera e per mantenere il figlio, lei si mette a fare la escort. Raoul Bova, gestore progressista di un internet point per extracomunitari, … Continua a leggere

THE BLACK SWAN, 2010 di D. Aronofsky

  Mi è piaciuto, The black swan. Film semanticamente assimilabile a prequel di “The Wrestler”, dello stesso regista, col quale purtroppo condivide anche le lacune sui personaggi, un po’ presi e lanciati lì così. In particolare ho gradito la rappresentazione del legame tra la trascendente eccellenza delle performance e la fragilità psico-fisica della (più immanente) ballerina. Anima e corpo della … Continua a leggere

Sunshine, 2007, di Danny Boyle

  Cosa succederebbe se il sole si spegnesse, e con esso la speranza nella vita e nel futuro? A cosa ci appelleremmo? Su queste speculazioni, il regista di Trainspotting costruisce un thriller non di poco conto, a tratti davvero inquietante, e lo fa con il suo inconfondibile stile, ribaltando simboli e sconquassando tradizioni drammaturgiche che, ha deciso, non gli si … Continua a leggere

Inception, 2010, di Christopher Nolan

  Richiesta da Gianni I. Sin dai tempi di “Following” e “Memento”, Nolan ha saputo fare quello che riesce a pochissimi: coinvolgere allo stesso modo spettatori di ogni livello; lo dimostra il fatto che su (quello schifo di) IMDB Inception occupa la prima posizione nella classifica dei film di fantascienza. Che sia un film stupendo sono d’accordo, che sia stupenda … Continua a leggere

The Tourist, 2010, di Florian Henckel von Donnersmarck

Un sincero grazie e benvenuta alla prima redattrice di questa umile rivista! Marco I.   Prendi un regista che si è fatto apprezzare per “Le vite degli altri” (Oscar come migliore film straniero), due attori hollywoodiani che oltre ad essere belli sono anche bravi (Johnny Depp e Angelina Jolie), aggiungi la scenografia della magnifica Venezia e mescola tutto. Ingredienti giusti … Continua a leggere

Mulholland drive, 2001, David Lynch

  Richiesta di Paolo S.   La richiesta di spiegazioni su questo film è giunta prestissimo, come mi aspettavo; il motivo è semplice: Mulholland Drive (in seguito M.D.) è uno dei pochi film del suo genere ad avere investito il grande pubblico, frastornandolo. Premetto che è impossibile parlare di un film di Lynch in poche righe, esistono interi saggi che … Continua a leggere

Radio killer, 2001, di John Dhal

  Richiesta da Domenico F. Il protagonista, Lewis, intraprende il suo primo viaggio in auto, accompagnato per buona parte dall’amica del cuore e dal fratello, un buontempone molesto che convincerà il fratellino a fare uno scherzo di cattivo gusto a un camionista anonimo tramite radio c.b.. Sfiga vuole che il camionista in questione fosse del tutto privo di senso dell’umorismo; … Continua a leggere

Il barbiere di Siberia, di N. Michalkov, 1998

(Recensione richiesta da Elena P. – dalle sue parti il film ha avuto un notevole riscontro, da noi molto meno.) Attenzione: Il primo capoverso è spoiler, se non hai ancora visto il film saltalo e inizia a leggere dal secondo! – Ambientato nella capitale della russia Zarista, il barbiere di Siberia tratta di un amore impossibile tra un giovane aspirante … Continua a leggere

The Experiment – di Oliver Hirschbiegel, 2001

Opera prima di un grande regista europeo, che poi si confermerà con “La caduta – gli ultimi giorni di Hitler”. La trama di “The experiment” prende spunto da un esperimento sociologico realmente avvenuto, che questo film sublima in una affilata analisi sul lato oscuro dell’uomo, ben rappresentato dal buio, scomodo protagonista di molte scene. Una ventina di cavie umane a … Continua a leggere